il baby Zoldak Boschet:” Possiamo fare ancora meglio”

Ciao Alex e grazie per l’intervista che ci concedi. Il tuo gol domenica contro il Vigasio non è servito per portare punti a casa per il tuo Valbrenta. Questo però non cancella la tua ottima prima parte di stagione con 3 gol realizzati e tanta qualità e quantità che metti a disposizione della squadra. Ti aspettavi un inizio così positivo per te e per una neopromossa come il Valbrenta?

Abbiamo iniziato bene sicuramente, ma secondo me ancora non abbiamo fatto niente. Abbiamo molto su cui lavorare e possiamo migliorare ancora tanto.

Quanto è stata importante per te l’esperienza dello scorso anno con l’Union Feltre in D e quali sono gli insegnamenti avuti nell’affrontare un campionato prestigioso come la D?

Gli ultimi due anni all’Union Feltre per me sono stati i più importanti, mi sono allenato con tantissima gente forte come Rondon e Madiotto, per farti due nomi, e sicuramente da loro ho imparato moltissimo.

Malgrado i 2 gol subiti domenica scorsa, quella del Valbrenta resta la miglior difesa del torneo con soli 7 reti subite. Quanto è stato importante l’equilibrio tattico che mister Pontarollo vi ha trasmesso e che voi applicate poi molto bene nelle partite in questo ottimo inizio di campionato del Valbrenta?

Siamo un gruppo molto unito, qualsiasi giocatore giochi da sempre il 100%, il mister va ringraziato perché ci trasmette sempre tanto entusiasmo, ci sprona e sopratutto ci da quella cattiveria che serve per giocare a calcio

Una domanda che esula dai risultati sportivi: con chi hai legato maggiormente nello spogliatoio e chi è il più burlone nello spogliatoio, che quindi mantiene l’entusiasmo e l’allegria sempre al massimo?

Mi hanno accolto bene e ho legato con tutti, ma se devo farti dei nomi sicuramente il gruppo dei giovani e i ragazzi con cui faccio avanti-indietro da Feltre, cioè Rimoldi, De Carli e Tomasi. Il più burlone? sicuramente Ponik

Tratto da TuttoCampo.it

 

Leave a Reply